Friday, December 19, 2014

presentazione al Circolo dei Lettori di Torino con Mellano e Marcenaro

Presentazione del libro di Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni unite, Reality Book, con Pietro Marcenaro e Bruno Mellano al Circolo dei Lettori di Torino.

presentazione a Fossano (CN) del 10 dicembre

Per celebrare la giornata mondiale per i diritti umani, il Partito Radicale ha organizzato alla Libreria Le Nuvole in via Cavour 23 a Fossano la presentazione di "OPERAZIONE IDIGOV, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite" con l'introduzione di Emma Bonino. Ne hanno discusso Marco PERDUCA e Bruno MELLANO.

Thursday, December 4, 2014

Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite

“Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni unite” è il primo libro dell'ex Senatore Radicale Marco Perduca con l'introduzione di Emma Bonino. Il libro racconta come, nella primavera del 2000, la Federazione russa di Vladimir Putin chiese l'espulsione del PR dalle Nazioni unite per aver fatto parlare davanti alla Commissione diritti umani di Ginevra il parlamentare ceceno Akhyad Idigov.

Attraverso la pubblicazione di documenti ufficiali del governo Russo e delle Nazioni Unite, memorandum interni del Partito e ricordi personali di Perduca, all'epoca rappresentante radicale all'Onu, “Operazione Idigov” ripercorre le iniziative istituzionali, politiche e parlamentari messe in atto tra Roma, Bruxelles e New York perché l'Onu rigettasse la richiesta russa.

Pur non volendo essere un manuale di lobby, il libro rappresenta un documento singolare nel suo genere poiché racconta come l'unico Partito politico che è riconosciuto all'Onu come organizzazione non-governativa sia riuscito a suscitare il sostegno di decine di paesi non solo per se stesso ma anche per quello che negli anni esso ha rappresentato all'Onu: un partito al servizio dei silenziati e degli oppressi di mezzo mondo.


Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è affiliato al Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite dal 1995. Negli anni i Radicali sono riusciti a mobilitare con successo l'opinione pubblica e i governi di mezzo mondo nel perseguimento di obiettivi di rilevanza globale come la creazione dei tribunali ad hoc per la ex Yugoslavia e il Ruanda, l'istituzione della Corte penale internazionale, la proclamazione di una Moratoria Universale della pena di morte e la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.
Nella postfazione di Operazione Idigov, Marco Perduca solleva l'interrogativo di cosa succederebbe oggi se un altro Stato membro delle Nazioni Unite attivasse nuovamente la procedura di sanzione nei confronti del Partito Radicale.

A questi link le recensioni apparse su Formiche, Il Foglio, l'OpinioneStrade, l'AvantiNotizie Radicali, il Garantista, il blog di Andrea Riscassi, FuturoQuotidianoil Tempo e lo storify della twittervista con @indiVAnados.

Sull'autore:
Marco Perduca (Firenze 1967) è stato Senatore Radicale dal 2008 al 2013 in Commissione esteri e giustizia e segretario della Commissione speciale per la tutela dei dritti umani del Senato della Repubblica. Prima di una breve parentesi come consulente alla Farnesina dal 2006 al 2008, Perduca ha rappresentato il Partito Radicale alle Nazioni Unite tra New York, Ginevra e Vienna – responsabilità che ha ripreso dall'inizio del 2014. 

Per due anni è stato il coordinatore del gruppo italiano della Ong Parliamentarians for Global Action ed è membro dei consigli direttivi di Nessuno Tocchi Caino e Non c'è Pace senza Giustizia. Ha un blog su HuffingtonPost.it e su twitter è @perdukistan. 


In allegato la copertina del libro di Aurelio Candido.

Operazione Idigov può esser acquistato online ai siti: 
Amazon |Mondadori Feltrinelli Ibs Libreria universitaria UniLibro 

Registrazione di @radioradicale della presentazione del libro di @Perdukistan a Bologna

Tuesday, November 25, 2014

Venerdi 28 novembre, presentazione @operazionidigov a Bologna

Grazie all'Associazione Radicale Piero Capone, venerdì 28 novembre, alle ore 18.30 presso il Bar Pasticceria Santo Stefano in Piazza Stanto Stefano 3 a Bologna, si presenta il libro "Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite", di Marco Perduca. 

Con l'autore saranno presenti Monica Mischiatti, segretaria dell'Associazione, Marco Beltrandi, Deputato nella XV e XVI legislatura e Matteo Marchesini, scrittore e saggista.

Friday, October 31, 2014

Grazie al cielo al @BeaCafeRoma non son tutti figli di Putin ma amici di @operazionidigov

Come litigare coi potenti all’Onu e vivere (relativamente) felici

Martedì 18 novembre "Operazione Idigov" al BeaCafe di Roma

 


Proviamo a immaginare che una delle più potenti nazioni del mondo se la prenda con uno dei partiti meno ricchi del mondo per aver portato davanti alla Commissione dei diritti umani di Ginevra un parlamentare che denunciava le nefandezze compiute nel suo Paese da quella nazione. E proviamo a immaginare che questo piccolo partito riesca a sconfiggere quella potentissima nazione facendo incazzare come una bestia il suo presidente-padrone? Fantascienza? No. Solamente il racconto come nella primavera del 2000 la Federazione Russa abbia chiesto l’espulsione del Partito Radicale Nonviolento Transanazionale e Transpartito per aver fatto parlare davanti alla Commissione dei diritti umani di Ginevra il parlamentare ceceno Akhyad Idigov. E di come Putin abbia dovuto tornarsene a casa con e pive nel sacco. Marco Perduca, ex-senatore e per dieci anni rappresentante del Partito Radicale alle Nazioni Unite, ci racconterà le eterne dinamiche del potere dal loro interno. Perché, qualche rara volta, persino in politica vincono i buoni.

Saturday, September 13, 2014

Monday, September 8, 2014

E l'11 settembre a Milano!

Solo per una sera HomeMade54 si trasforma in un salotto letterario per "Operazione Idigov"!

Giovedì 11 settembre alle ore 20 ospiteranno la presentazione del libro di Marco Perduca, con introduzione di Emma Bonino. Saranno presenti l'autore, già senatore radicale e rappresentante del Partito Radicale Transnazionale all'ONU, Andrea Riscassi, giornalista della Rai, fondatore dell’associazione AnnaViva dedicata ad Anna Stepanovna Politkovskaja, e Christian Rocca, direttore di IL, il mensile del Sole 24 Ore.

Un occasione per affrontare la Russia di Putin, i meccanismi delle istituzioni internazionali, la difesa dei diritti umani.

Il costo dell’incontro è di 12 euro che comprende l'iscrizione aHomemade 54, un aperitivo con stuzzichini e un piatto forte.
Con altri 10 sarà possibile acquistare il libro (e farselo dedicare dall'autore). È necessaria la prenotazione: info@homemade54.it

Saturday, September 6, 2014

oggi presentazione @operazionidigov a Genova #festaunita ore 1830

Sabato 6 settembre, alle ore 18.30 allo spazio libri della Festa dell'Unità di Genova, Area Porto Antico, con Pierfranco Pellizzetti, saggista per Critica Liberale e MicroMega e opinionista del Fatto Quotidiano, si presenta il libro "Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni unite" di Marco Perduca

Monday, September 1, 2014

recensione di @operazionidigov di @ilarzip per @tempoweb

La volta che il Partito Radicale sconfisse Putin al Consiglio delle Nazioni Unite

Ilari Valbonesi

Sullo sfondo di miseria e orrore della seconda guerra russo - cecena del 1999, tra corpi stuprati, rastrellati e morti sotto le bombe o per torture nei centri di «filtraggio» e detenzione, il Partito Radicale Transnazionale concede il diritto di tribuna all`ONU al parlamentare ceceno Akhyad Idigov. 

Il suo intervento alla 56a Sessione della Commissione per i Diritti Umani a Ginevra è durissimo: condanna fermamente le gravi violazioni dei diritti umani commessi dalla Russia in Cecenia, invoca l'adozione di misure internazionali per porvi fine. Un mese dopo la Federazione Russa chiede l`espulsione del Partito dal Consiglio economico e sociale dell`Onu, dietro l`infamante accusa

di aver fatto parlare un pericoloso terrorista ceceno. Attraverso documenti ufficiali, confidenze, fitte corrispondenze tra Bruxelles-Strasburg -Roma-NewYork, radiocronache, memorandum interni e ricordi personali, Marco Perduca, rappresentante del Partito Radicale all'ONU, archivia que sta b attaglia difensiva durata cinque intensi mesi in «Operazione Idigov. Come il Part to Radicale sconfisse Putin all`ONU» (Reality Book 2014); un libro che porta il lettore all'interno del Palazzo di Vetro su di una scacchiera incandescente, dove ogni pezzo haun suo movimento imprevedibile - ambasciatori, funzionari, delegati, sciami di pedine - arte della diplomazia in carne ed ossa. Salutato come un rivoluzionario «pezzo di storia» da Emma Bonino che ne cura l/introduzione, «Operazione Idigov» è il ritratto di un Partito Transnazionale, «l'unica vera internazionale», con l'adesione diretta dei singoli e la nonviolenza come strumento di lotta politica, che dal 1995, grazie allo status consultivo di prima categoria presso l'ECOSOC, dialoga con i potenti del mondo e nel contempo si oppone alle loro violazioni: con le campagne per l'istituzione del Tribunale Penale Internazionale, l` adozione della Risoluzione per una moratoria universale delle esecuzioni capitali, la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili. 


Il 18 ottobre 2000, l`assemblea del Consiglio respinge la richiesta di espulsione avanzata dalla Federazione Russa. Un successo del Pr e per il diritto di tutte le ONG di esprimere il proprio pensiero ma che coincide con la drammatica notizia del ritrovamento del corpo senza vita di Antonio Russo, giornalista militante, inviato di Radio Radicale, che stava conducendo un`inchiesta sull`uso di armi non convenzionali in Cecenia e in procinto di tornare in Italia con documenti sulle atrocità della guerra. In un'epoca di difficile globalizzazione democratica, in cui fanatismo e indifferentismo, volontà di dominio e censura si rafforzano l`un l`altro, la dedica dell`autore alla memoria del giornalista scomparso e «del suo telefono satellitare» ha un valo re prefativo e il sapore di un`istanza etica: non c'è democrazia senza trasmissione, memoria storica delle vittime, polifonia del dialogo,
tutela dei diritti umani.

Tuesday, August 19, 2014

@operazionidigov recensione su @ilgarantista di @DarioVese

  •  
  • Operazione Idigov
  •  
  • 

“If you don't do it nobody else will”, se non lo fate voi non lo farà nessun altro. E' una storia che si ripete, un copione sempre uguale. Per disinteresse interessato degli altri, tocca a voi! Questa volta l'invito viene pronunciato dal professor Michael van Walt van Praag, un olandese cosmopolita che è anche consulente del Dalai Lama, conosciuto quindi nei tempi in cui di tibetani si occupavano i perdigiorno e gli scrittori d'avanguardia. Inizia così la storia di come il Partito Radicale Transnazionale (Prt) ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite. 
  •  
  • E' la prima volta che una Ong riesce a spuntarla contro uno Stato, respingendo voto per voto la richiesta d'espulsione. Siamo nella primavera nel 2000, siamo alla fine della seconda guerra di Cecenia. Le accuse di Mosca erano di aver fatto parlare Idigov in Commissione diritti umani di Ginevra, e – questa è più simpatica – di essere finanziati dai trafficanti di droga. Akhyad Idigov è uno sconosciuto parlamentare ceceno, emissario di Maskhadov, che ha soprattutto l'incarico di imporre ai media e alle istituzioni i massacri ed il genocidio in corso. 
  •  
  • L'autore Marco Perduca (già Senatore in Italia dal 2008 al 2013 ma qui in veste di ambasciatore del Partito all'Onu) racconta di come si possa mettere insieme questo mondo e quell'altro per salvare non tanto se stessi dall'espulsione quanto per consacrare una volta di più le proprie ragioni. Nel 1995 l'Onu ha conferito al Partito l'affiliazione di prima categoria, la più importante e concessa solo a poche organizzazioni, al Consiglio Economico e Sociale (Ecosoc). Tradotto, un'occasione squisita per chi storicamente apre brecce nei muri vetusti della tradizione e cerca compagni di lotta per innovare i mezzi in difesa dei diritti dell'uomo. Ora quei muri erano più spessi ma più sfidanti, gli amici più disparati e disperati. 
  •  
  • Così, da quella postazione, si offriva la parola ai dissidenti d'ogni dove, senza cavillare troppo sulle ragione di ciascuno: era il diritto di tribuna praticato da Marco Pannella, dalla firma dei giornali extraparlamentari (Lotta Continua, Re Nudo) per consentirne la pubblicazione, alla più efficiente programmazione di Radio Radicale.
“Operazione Idigov” è un manuale di diplomazia multilaterale, pieno zeppo di particolari autobiografici tipici di chi fa l'artigiano del diritto. C'è anche un'ansia triste. Un lutto difficile che sarà creativo. Il compagno Antonio Russo, pressoché unico al mondo ancora presente in quelle zone, viene trovato ucciso in Georgia proprio nelle ore in cui i cinquantaquattro Paesi membri dell'Ecosoc si apprestano a votare sulla sorte del suo Partito.

  •  
  • Colbacchi, baffoni sovietici, tuniche arancioni ed altre variopinte. Documenti segreti, sigle sconosciute ed almeno una decina di lingue per capirsi. Telefonate a tutte le ore, mail tra Roma, Ginevra e New York, radiocronache pirate su Radio Radicale, notti saltate e pasti dimenticati. Interrogatori, incontri con burocrati e diplomatici, in etiquette e nei sottoscala, chiacchierate origliate da una fantasia che mescola idiomi. 
  •  
  • Ma poi, guerra. Di questo parliamo: le vittime dei conflitti transcaucasici sono pressoché le stesse delle guerre nella ex-Jugoslavia.
Lotta contro lo sterminio per fame nel mondo, moratoria per l'abolizione della pena di morte, creazione dei Tribunali ad hoc per l'ex-Jugoslavia e il Ruanda, istituzione della Corte penale internazionale, messa al bando delle mutilazioni genitali femminili. 
  •  
  • Questo sono i radicali all'Onu. E' anche grazie al consenso maturato attorno a queste vittorie, oltre che per la capacità innata di intessere relazioni sulle proprie azioni e convinzioni, che si riesce a scamparla. Quello che pareva un gioco all'ultimo badge - con un trucchetto di sostituzioni si aprivano magicamente le porte del Palais des Nations a tibetani, uiguri, kosovari, falungong, montagnard, militanti di tutte le libertà, abolizionisti, e mille altri dimenticati – presto divenne l'occasione per mettere KO una superpotenza membro del Consiglio di Sicurezza. 
  •  
  • Un caso di scuola, riformatore nel merito e nel metodo, messo in piedi dai quattro scalcagnati della Farnesina Radicale, i poco piazzati nelle cerchie onusiane ma tanto contagiosi da trasformare funzionari ingessati in compagni di strada. Ed oggi, seppur dopo tentativi di emissione mica da ridere, il Prt resta un megafono per i braccati e i vessati della terra, popoli non rappresentati, vittime di giustizia sommaria: un partito di servizio. Il diritto di parola è solo subordinato al canonico “intervengo a nome e per conto del Partito Radicale Transnazionale”. E' la procedura.


    Marco Perduca
, 
  • Reality Book
  • 270 pp – 18 euro

Friday, August 1, 2014

Intervista di @perdukistan per @radioradicale su come, quando e perché ha scritto @operazionidigov

 Il libro di Marco Perduca racconta come sia stato sconfitto nell'ottobre del 2000 il tentativo della Russia di Putin di espellere il Partito radicale dal Consiglio economico e sociale dell'Onu. 



Alle origini di questa vicenda c'è il caso di Akhyad Idigov, presidente della Commissione Esteri del Parlamento ceceno ai tempi del presidente Maskadov: la decisione del Prt di fargli prendere la parola a nome del Prt in sede di Commissione diritti umani Onu a Ginevra portò alla richiesta russa di estromissione. La Russia accusava il Prt di aver fatto parlare un terrorista, di finanziare le proprie attività con il traffico internazionale di stupefacenti e di aver sostenuto gruppi pedofili. Tentativi simili sono stati messi in atto negli anni seguenti da Vietnam, Iran, Cina.

Per comparare 

"Operazione Idigov

come il Partito Radicala ha sconfitto 

la Russia di Putin alle Nazioni Unite"

di Marco Perduca

Saturday, July 26, 2014

Così finisce il capitolo I di @operazionidigov


Capezzone – Marco, se sei nelle condizioni di ascoltare, procedi pure a un ascolto e traduzione di quel che gli Stati Uniti stanno dicendo. 

Perduca – La vice ambasciatrice americana ha ricordato ancora una volta le accuse presentate sul caso Idigov e ha affermato che, anche se gli Stati Uniti non sono stati d’accordo su alcune delle posizioni prese dal Partito Radicale durante i cinque anni in cui ha go- duto dello status consultivo, come per esempio sulla pena di morte, la Corte penale internazionale e anche su droga e antiproibizionismo, il principio fondamentale della libertà di espressione e di parola alle Nazioni Unite è per loro sacrosanto... [brusio] Fa anche parte del primo emendamento della costituzione americana e quindi, per gli americani, non ci sono dubbi: occorre rifiutare questa raccomandazione. Adesso si è iscritto a parlare il Giappone... [interruzione] Ti ripasso la linea un attimo... [brusio, rumori di sottofondo] Chi è? [cade la linea]
 
Capezzone – Scusa, Marco? [pausa] Ah, Marco Perduca è in questo momento al telefono sull’altra linea mentre sta prendendo la parola il Giappone. Allora, ricordiamo la sequenza degli interventi che ci sono stati al Palazzo di Vetro. Grazie a Marco Perduca stiamo seguendo in diretta la seduta. Vedremo tra poco se riusciamo a rista- bilire il collegamento con Marco Perduca. Marco, ci sei? 

Perduca – Sì, ci sono, chiedo scusa perché ho le batterie un po’ scariche e in più la sala è nel sottosuolo e cade spesso la linea. 

Capezzone – Allora, Marco, in questo momento stanno ancora intervenendo gli Stati Uniti. C’è una cosa che mi sembra... 

Perduca [tono concitato] No, no, no, scusa Daniele, gli Usa hanno finito... [brusio di sottofondo] Ha espresso la... [s’interrompe] Stanno votando, stanno votando! Stanno votando... 

Capezzone – Il voto è per appello nominale...

Perduca – No, pare che non sia per appello nominale, non è per appello nominale... [fruscii e rumori di sottofondo] Votano! Votano!

recensione di Marco Andrea Ciaccia su @formichenews

Thursday, July 24, 2014

Presentazione e ringraziamenti



Per comparare 
"Operazione Idigov
come il Partito Radicala ha sconfitto 
la Russia di Putin alle Nazioni Unite"
di Marco Perduca




Ho deciso di rompere gli indugi e scrivere finalmente questo li- bro dopo che il Professor Mauro Politi, all’epoca giudice della Corte penale internazionale, mi fece dono del volumetto L’Italia all’Onu a cura di Ranieri Tallarigo uscito nel 2007 per i tipi di Rubettino. 
 
Quella raccolta di testimonianze di diplomatici parla dei successi della Rappresentanza permanente d’Italia presso le Nazioni Unite dal 1993 al 1999. L’artefice di quello straordinario ed efficace gioco di squadra fu l’Ambasciatore Francesco Paolo Fulci che riuscì a vincere 27 delle 28 elezioni a cui fu candidato un nostro connazionale perdendo una sola volta per un voto. 

Nella prefazione de l’Italia all’Onu l’Ambasciatore Tallarigo scrive che “ce n’è abbastanza perché il tutto venga considerato una sorta di ‘manuale di servizio’ di diplomazia multilaterale a valere soprattutto per i più giovani colleghi che operano ed opereranno in un difficile ‘posto’ come quello di New York, all’Onu”. Un auspicio ripetuto più avanti da Fulci stesso che nella sua introduzione chiarisce “l’intento [del libro] è soltanto ripercorrere un’esperienza per offrire a quantia vranno l’opportunità di servire nel quadro societario – sopratutto ai funzionari più giovani – un esempio dei metodi adottati e dei risultati concreti che una team diplomacy, fortemente motivata, è in grado di conseguire al servizio del Paese”. 

L’Ambasciatore Fulci, col quale il Partito Radicale aveva tentato già nel 1994 la presentazione all’Assemblea generale dell’Onu di una risoluzione sulla Moratoria Universale della pena di morte (iniziativa non andata a buon fine per una manciata di voti) non appare nella vicenda al centro di questo libro perché aveva lasciato New York l’anno prima. In compenso, durante i negoziati in seno al Comitato sulle organizzazioni non-governative di quella estate del 2000, ci dovemmo confrontare più volte coi precedenti da lui creati al Consiglio economico e sociale che aveva presieduto a conclu- sione del suo mandato. Non fu facile annullarli. 
 
Lungi dal voler suggerire alcun tipo di improbabile paragone tra questo libro e quel volumetto, anche io mi permetto di caldeggiare la lettura di quanto qui raccolto a chi si occupa di diplomazia o di negoziati nei fori multilaterali. Pur in una forma che non è quella del saggio, né quella del pamphlet politico, ma forse proprio per questi motivi, questo racconto presenta questioni di merito e di metodo.

La struttura narrativa vuole anche mettere in evidenza le peculiarità della comunicazione radicale che privilegia la tradizione orale a quella scritta. Il racconto infatti inizia e si conclude con la trascrizione di una radiocronaca “pirata” che feci assieme a Daniele Capezzone per Radio Radicale durante il voto nella notte del 18 ottobre 2000, prosegue con un mio ricordo dell’antefatto, e per il resto rievoca quelle settimane di intensissimo lavoro con i documenti ufficiali dell’Onu e del Partito Radicale nonché i messaggi quotidiani che i vari uffici del Partito si scambiavano sulle varie iniziative necessarie a sovvertire una decisione delle Nazioni Unite. 

Come direbbe l’Ambasciatore Fulci, in quella estate del 2000 fu messa in atto un’operazione di team diplomacy non-governativa da parte della Farnesina Radicale fortemente motivata nel perseguire un risultato molto concreto: sconfiggere la richiesta della Russia di Vladimir Putin di espellere il Partito Radicale dall’Onu perché ritenuto fiancheggiatore di terroristi ceceni.

La posta in ballo era alta e il nemico potente. Ma anche quando una soluzione compromissoria sembrava essere a portata di mano il Partito Radicale non ha mai derogato alle proprie convinzioni né alla pretesa del rispetto delle procedure. La vittoria riportata il 18 ottobre 2000 testimonia, una volta di più, che fare quello che si deve può far perseguire con successo il “possibile” contro il “probabile” anche in un contesto dalle dinamiche complesse e dalle procedure bizantine come le Nazioni Unite. 

Questo libro vuole essere un ricordo narrativo di un segmento della storia transnazionale del Partito Radicale, un tributo a tutte le vittime innocenti del conflitto russo-ceceno e all’opera di giornalismo militante di Antonio Russo che, per denunciare le violazioni del Diritto umanitario internazionale in Cecenia, fu ucciso in Georgia alla vigilia del voto che salvò il suo Partito al Palazzo di Vetro. 
 
La ricostruzione e composizione di questi ricordi e tributi però non sarebbe mai stata possibile senza il lavoro di speleologo digitale di Mihai Romanciuc. Un ulteriore ringraziamento a Stefano Musilli per tre riletture in extremis e alla Reality Book per la pazienza. Infine un sentito grazie a Andi, Nino e Klodian Jacellari per la loro calorosa ospitalità al bar Il Prado a Trastevere. Grazie anche a Aurelio Candido per la copertina. 

Senza gli stimoli e l’appassionata e militante dedizione di Sara Tescione, senza le sue pazienti trascrizioni, letture e riletture delle prime travagliate stesure, questo libro non avrebbe mai visto la luce. A lei sempiterna riconoscenza e gratitudine.

Non nego di aver pianto spesso nello scrivere e rileggere queste pagine, anche perché ogni riferimento a persone o fatti realmente accaduti è propriamente causale.

Friday, July 18, 2014

Recensione de @ilfoglio_it di @operazionidigov "sembra una spy story..."

 Marco Perduca
OPERAZIONE IDIGOV
Reality book, 270 pp., 18 euro

Sembra una spy story da cortina di ferro (a partire dai misteriosi caratteri cirillici che campeggiano sulla copertina), invece è una storia vera, sospesa tra alta diplomazia e cronaca di guerra, dispacci e alti funzionari, monaci buddisti e filantropi cosmopoliti, delegati russi e delegati americani, francesi e tedeschi in combutta, spedizioni nel Caucaso, tè indigesti e ancor più indigeste uova fritte, piccole "war room" fumose, cartine segrete, vecchi telefoni cellulari, messaggi in codice e personaggi enigmatici che compaiono con la loro valigetta sulle rive del lago di Ginevra, a pochi passi da un ufficio delle Nazioni Unite. Siamo nell`anno Duemila, tra New York, la Svizzera e Roma. 

Precisamente in via di Torre Argentina, storica sede del Partito radicale, la cui diramazione extraterritoriale, il Partito radicale internazionale, è protagonista, nel libro, di un caso politico-giuridico che farà scuola: qui si dimostra, tra le pieghe di una complicatissima gestione di un voto all'Onu, come un'organizzazione non governativa possa riuscire, attraverso vicissitudini rocambolesche interne ed esterne al Palazzo di vetro, a sventare l`espulsione dall`Ecosoc, consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, precedentemente chiesta da una grande potenza - in questo caso la Federazione russa - ai tempi della guerra di Cecenia. 

I fatti narrati in prima persona, documentati con lettere, dispacci, radiocronache pirata su Radio Radicale e resoconti dietro le quinte dell'autore (ex senatore radicale nel Pd fino al 2013 ed ex rappresentante radicale all'Onu all'epoca degli eventi in questione), compongono un`inedita fotografia "dall'interno" di vertici internazionali in cui un voto negativo di un paese indeciso, e un impercettibile cambiamento nei rapporti di forza, può significare la messa all'angolo anche mediatica di chi per lavoro, passione, abitudine o fissazione, porta alla ribalta internazionale la voce di minoranze, popoli oppressi e gruppi etnici a rischio di continue violazioni dei diritti umani. Nel girotondo forsennato di quelli che sembrano, lì per lì, a un occhio esterno, dei simpatici "pazzi" che vogliono cambiare il mondo (e fermare l'espulsione dall'Onu da un alberghetto svizzero a due passi dalla stazione, popolato di avventori prodighi di avventure da raccontare), irrompe la corazzata della ragione politica altrui. Che si squarcia all'arrivo delle ultime voci dal fronte, nei giorni più drammatici del conflitto nel Caucaso (a Torre Argentina intanto arriva la notizia della morte in Cecenia del cronista Antonio Russo). 

Il casus belli della vicenda diplomatica, l'intervento in una commissione Onu a Ginevra del parlamentare ceceno Akhyad Idigov, intervento propiziato dai radicali e accolto con silenzi imbarazzati per la denuncia di gravi violazioni di diritti umani in Cecenia, avviene proprio nel momento in cui l'allora alto commissario per i diritti umani Mary Robinson, reduce da un sopralluogo sul campo e da un incidente diplomatico nella Russia di Vladimir Putin, accende un riflettore sulla non sostenibilità della situazione per i civili nel Caucaso. Ma è quello che accade nelle segrete stanze newyorchesi, nel cuore del Palazzo di vetro, tra bisbiglii e incertezze e vertici prevoto, nei corridoi dove chi sa più lingue carpisce la sottigliezza che fa la differenza, a costituire il cuore della vicenda. E' lì, tra freddi esponenti di paesi terzi, nei ricevimenti fintamente mondani, nelle mense dove ci si guarda in cagnesco, che nasce la vera opera di lobbying diplomatica.

Ed è lì che può tornare utile la notte passata da qualche compagno radicale
su una montagna non lontana da Pristina alla fine degli anni Novanta, tra ribelli e informatori, armi e indizi utili a incriminare all'Aia Slobodan Milosevic (ma questa è un'altra storia).

Saturday, July 12, 2014

intervento di Akhyad Idigov alla 56ma Commissione diritti umani dell'Onu, aprile 2000



11 Aprile 2000
56ma sessione della Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite
Dibattito aperto sul rapporto dell’Alto commissario sulla situazione in Cecenia
Intervento orale del Partito Radicale Transnazionale
Pronunciato dall’onorevole Akhyad Idigov

Signor Presidente,

intervengo a nome del Partito Radicale Transnazionale a seguito della recente visita dell’Alto commissario in Russia e nella Repubblica cecena di Ichkeria.

Con la visita del commissario Robinson la gravità delle violazioni russe del diritto internazionale in questo angolo d’Europa è finalmente diventata evidente al mondo intero. La durata – dal 1991 – e l’estensione di questo processo hanno ormai assunto una dimensione pericolosissima. Per motivi etnici i ceceni vengono perseguitati in tutta la Federazione russa, mentre in terra cecena essi vengono semplicemente uccisi senza processo, oppure con pesanti bombardamenti di interi villaggi.

La Russia, degno successore dell’Unione Sovietica, continua l’epopea di sangue che iniziò in Afghanistan, passando poi per la Lituania, il Nagorno Karabakh, l’Azerbaigian, il Kazakistan, la valle di Fergana, la Georgia, il Tagikistan, la Moldavia, l’Abkazia, l’Inguscezia, fino ad arrivare alla Cecenia… La lista continuerà ad andare avanti se non saranno adottare misure a livello internazionale per porvi fine.   

Sin dal 1991 la comunità internazionale è rimasta silente di fronte a tanta violenza consentendo all’assenza di stato di diritto di prevalere in quest’area del mondo. Quante altre vittime innocenti dovranno morire? Quante altre lacrime dovranno essere versate da bambini e donne che hanno perso case e famiglia? I ceceni vengono anche privati del diritto allo status di rifugiato nonché alla libertà di movimento ovunque, inclusa l’Europa.

La guerra indiscriminata e le operazioni di pulizia etnica condotte contro i ceceni dalla Russia possono solo essere descritte in termini di genocidio. Occorre una reazione appropriata da parte della comunità internazionale.

Signor Presidente,

Il diritto dei ceceni all’autodeterminazione è un elemento fondamentale per la stabilità e la pace del Caucaso. Non possiamo non affrontare questa questione cruciale, che si nasconde dietro tutte le azioni della Russia contro la Repubblica cecena di Ichkeria e la sua popolazione.

Dal 1991, in linea con il diritto internazionale, le leggi dell’Unione Sovietica e della Federazione russa, nonché nel rispetto della dichiarazione sulla sovranità statale del 12 giugno 1990, la Cecenia ha fatto uso del diritto a formare un proprio stato come hanno fatto altri paesi ex sovietici di recente indipendenza.    

[La delegazione della russa interrompe l’intervento lamentando che la Cecenia è una repubblica della Federazione russa]

Ciò è stato fatto con l’obiettivo di garantire, attraverso la comunità internazionale, la sicurezza per la popolazione cecena, una sicurezza negata dalla Russia per quattrocento anni con deportazioni periodiche e guerre ogni quaranta-cinquant’anni. Tale diritto dei ceceni viene ancora oggi negato e, se ciò dovesse continuare, potrebbe condurre soltanto al completo annientamento della popolazione cecena.

Occorre ricordare che il 12 maggio 1997, al termine dell’ultima guerra russo-cecena del 1994-1996, la Russia firmò un trattato di pace e coesistenza con la Repubblica cecena di Ichkeria. Il principio cardine di tale accordo era la costruzione di relazioni bilaterali sulla base del diritto internazionale. La Russia ha subito violato i termini di quell’accordo che pure aveva firmato isolando la Cecenia dal resto del mondo e creando le condizioni per lo sviluppo della situazione a cui assistiamo oggi.

Le autorità russe hanno fatto del loro meglio per fomentare la paura presso i popoli che vivono all’interno dei propri confini. Per giustificare la guerra contro i ceceni, per vincere le elezioni presidenziali del 2000 e per minare gli interessi economici dei paesi occidentali che tentavano di bypassare Mosca si è sempre utilizzato il pretesto della lotta al terrorismo.

Signor Presidente,

al fine di ottenere la pace è fondamentale che i negoziati tra le parti abbiano inizio sotto stretto monitoraggio internazionale a garanzia degli accordi raggiunti. Per poter essere efficaci tutto deve avvenire tra le autorità cecene legalmente elette nel 1997 sotto la leadership del Presidente Aslan Maskhadov e Mosca. Ogni altra soluzione non rispetterebbe la volontà del popolo ceceno e sarebbe destinata al fallimento.

Friday, July 11, 2014

Chi sa chi fosse Aslan Mashadov? se ne parla in @operazionidigov

Aslan Alievič Maskhadov (in ceceno: Аслан Али кант Масхадан, Aslan Ali kant Masxadan; in russo: Аслан Алиевич Масхадов?) (Shakai, 21 settembre 1951Tolstoj-Jurt, 8 marzo 2005) è stato un militare e politico russo, di etnia cecena. È stato dapprima un colonnello dell'Esercito Sovietico e in seguito un leader politico, terzo Presidente della Repubblica Cecena, uno stato del Caucaso settentrionale. (continua a leggere qui)




Thursday, July 10, 2014

in @operazionidigov si parla delle guerre cecene. Ecco alcune foto di uno dei più sanguinari conflitti europei

Per comparare 
"Operazione Idigov
come il Partito Radicala ha sconfitto 
la Russia di Putin alle Nazinoi unite"








Introduzione di @emmabonino a @operazionidigov, il primo libro di @perdukistan


Introduzione di Emma Bonino a “Operazione Idigov, come il Partito Radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni unite”, il primo libro di Marco Perduca

Per comparare 
"Operazione Idigov
come il Partito Radicala ha sconfitto 
la Russia di Putin alle Nazioni Unite"




È raro che escano libri sul Partito Radicale, è molto raro che vengano scritti da un radicale, ma è ancor più raro che questi affrontino le attività che il Partito ha portato avanti in seno alle Nazioni Unite. Eppure, negli ultimi trent’anni, il Partito Radicale, che oggi ha aggiunto formalmente al proprio nome i tre aggettivi che lo caratterizzano per metodo di lotta, fronti e composizione – e cioè nonviolento, transnazionale e transpartito –, ha contribuito in modo sostanziale all’avanzamento della protezione e affermazione dei diritti umani in molte aree del mondo legando situazioni specifiche alla promozione di riforme dello Stato di Diritto a livello internazionale.

Nel 1995 l’Onu riconobbe il contributo radicale agli affari internazionali conferendo al Partito l’affiliazione di prima categoria al Consiglio economico e sociale (Ecosoc). Da allora tutte le campagne transnazionali dei radicali sono confluite alle Nazioni Unite grazie proprio a quello status consultivo – un’opportunità in più per coinvolgere Stati e altre Ong su obiettivi specifici. Che si trattasse dell’abolizione della pena di morte attraverso una Moratoria Universale delle esecuzioni capitali piuttosto che la creazione dei Tribunali ad hoc per l’ex-Jugoslavia o il Ruanda, oppure l’istituzione della Corte penale internazionale o ancora la messa al bando delle Mutilazioni Genitali Femminili, il Partito Radicale e le sue associazioni costituenti sono riuscite a instaurare e consolidare un proficuo rapporto diretto col Palazzo di Vetro e le sue agenzie. I risultati, tutt’altro che scontati, sono poi puntualmente arrivati.

La vicenda narrata in questo libro non ripercorre però quelle campagne storiche ma ricorda, tra le altre cose, come i radicali siano riusciti a divenire a livello transnazionale quello che in Italia erano stati per anni: un partito di servizio. Un partito di servizio per le lotte, le denunce e le proposte di altri oltre che per altri. Lotte, denunce e proposte chiaramente nonviolente e per la conquista di Diritto e diritti per tutti.

Fin dai tempi dell’Urss il Partito Radicale aveva stretto rapporti con intellettuali e politici che coraggiosamente e pacificamente ave¬vano manifestato il proprio dissenso al regime sovietico. Molti furono ad esempio i refuznik che riuscimmo a salvare dalle persecuzioni di un sistema che di lì a poco sarebbe scomparso. Alla caduta del Muro di Berlino i radicali furono tra i primi a occuparsi del futuro delle ex-repubbliche sovietiche e, di lì a poco, anche dei loro satelliti, primi fra tutti quelli nei Balcani.

Forte di una straordinaria campagna di iscrizioni che coinvolse oltre quarantamila mila persone e centinaia di parlamentari, all’inizio degli anni Novanta il Partito Radicale riuscì ad aprire uffici in una ventina di paesi dell’Europa dell’est e a raggiungere i propri iscritti e simpatizzanti con una pubblicazione, “Il Partito Nuovo”, che veniva stampato in diciotto lingue. La novità di quel soggetto politico transnazionale e trans¬partitico risiedeva nel voler coniugare la promozione di specifiche riforme costituzionali di chiaro stampo liberal-democratico a questioni più generali, come la necessità di abolire la pena di morte, per evitare che la giustizia sommaria, sempre in agguato in periodi di transizione, avesse il sopravvento sullo Stato di Diritto. Allo stesso tempo, sempre in quegli anni, si gettavano le basi per la creazione di una giurisdizione ad hoc che assicurasse i responsabili del conflitto jugoslavo a una giustizia che fosse giusta e imparziale. Per il Partito Radicale, il partito dello Stato di Diritto, il rispetto delle regole è sempre stato di fondamentale importanza tanto per gli amici quanto per gli avversari.

Nella primavera del 2000 si stava consumando l’ultimo capitolo di uno dei conflitti più drammatici e tragici – e mistificati – del-l’Europa moderna, quello in Cecenia. A poco era valso l’accordo di pace di tre anni prima tra Mosca e Groznyj, dalla fine del 1999 nel Caucaso si sparava senza risparmiare la popolazione civile. Per quanto la Commissione europea, il Consiglio d’Europa e gli Usa fossero stati categorici nel denunciare le violazioni dei diritti umani nella regione, non fu possibile creare le condizioni politiche per la ricerca di una pace negoziata né, purtroppo, per evitare che decine di migliaia di civili, e fra questi moltissime donne e bambini, cadessero vittime della guerra.

Per non lasciare niente di intentato, consci dei rischi che ciò poteva comportare, fu deciso di sostenere l’opera politica di quei pochi ceceni che parevano aver fatto proprio lo slogan radicale “non c’è pace senza giustizia”. Il Partito Radicale decise di invitare a Ginevra un parlamentare ceceno – eletto sotto la supervisione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa nel 1997 – al fine di farlo entrare in contatto con la comunità internazionale e proporre l’avvio di un negoziato di pace da tenersi sotto l’egida di quelle organizzazioni regionali e internazionali che si erano attivate sul conflitto caucasico.

La partecipazione dell’iscritto radicale Akhyad Idigov alla Commissione diritti umani di Ginevra del 2000 contribuì, in modo so-stanziale, all’apertura di quel dibattito che l’allora Alto commissario Mary Robinson aveva cercato di suscitare per coinvolgere le parti nella ricerca della fine delle ostilità. Come spesso accade, quando la realtà sul campo viene raccontata dai diretti interessati piuttosto che da esperti o commentatori, le reazioni furono forti. Questo libro racconta tanto le azioni quanto le reazioni di molti dei soggetti coinvolti in quel conflitto.

Nel commentare a caldo il voto che la notte del 18 ottobre 2000 non ratificò la proposta della Federazione russa di sanzionare il Partito Radicale, a Radio Radicale dissi che aveva “vinto la verità, soprattutto la verità di quello che siamo e di quello che a partire da oggi, a maggior ragione, vogliamo continuare ad essere”. Il Partito Radicale, che aveva svolto un ruolo cruciale perché Slobodan Milosevic fosse prima incriminato e poi trasferito all’Aia per essere pro¬cessato per le responsabilità nella guerra jugoslava – cosa puntualmente avvenuta proprio nel 2000 – ha poi dedicato buona parte delle proprie risorse umane e finanziare per suscitare le sessanta ratifiche necessarie a far entrare in vigore lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale, obiettivo raggiunto nel luglio 2002; non ha smesso di operare in mezzo mondo affinché l’Assemblea generale facesse propria la prospettiva strategica della promozione di una Moratoria Universale delle esecuzioni capitali per cancellare le pena di morte dai codici penali di tutto il mondo, successo ottenuto nel 2007; ha in¬fine agito per la definitiva messa al bando delle mutilazioni genitali femminili con una proclamazione solenne del Palazzo di Vetro, avvenuta all’unanimità degli Stati membri dell’Onu nel 2012.

Il Partito Radicale ha continuato quindi a fare quello che ha sempre fatto in Italia e nel mondo: iniziative politiche su obiettivi concreti con il coinvolgimento di compagni di strada tra i più disparati e disperati. In questo confronto-contaminazione sono state fatte conoscere realtà sconosciute e silenziate di mezzo mondo e si è anche riusciti ad aprire brecce in contesti sociali e politici che non avevano mai preso in considerazione la nonviolenza, l’affermazione dei diritti individuali o il federalismo politico e amministrativo.

Con il voto dell’ottobre 2000 si concluse una battaglia fatta anche di passi istituzionali e diplomatici, di chiarezza di posizioni, di coinvolgimento dell’opinione pubblica, di appelli alla responsabilità di tutti e ciascuno. Credo che il combinato disposto dei due settori su cui il Partito Radicale ha sempre lavorato – quello istituzionale e diplomatico e quello della chiarezza e rivendicazione delle proprie posizioni – sia stato determinante per il ribaltamento della proposta di sanzione della Federazione russa.

Quella vittoria fu, e resta, una vittoria di tutti. Una vittoria molto importante anche per tutte quelle organizzazioni non-governative, e sono moltissime, che si occupano di diritti umani. Una vittoria del-la verità, della trasparenza e del pieno rispetto delle procedure. Una vittoria anche della capacità di trasformare dei compassati diplomatici in militanti dei diritti umani e del principio di legalità e, di converso, di trasformare dei militanti radicali in misurati diplomatici. Nella scia di quel successo e degli obiettivi raggiunti successivamente, oggi vedrei con favore la mobilitazione dell’Italia a sostegno della campagna contro i matrimoni forzati, un fenomeno diffusissimo in numerose parti del mondo e che riguarda oltre quattordici milioni di bambine e ragazze sotto i diciotto anni.

Parlare di Partito Radicale, Nazioni Unite e Cecenia non può non far tornare in mente Antonio Russo. Anche la vicenda di Antonio è una vicenda che ruota intorno alla verità. Alla verità che Antonio cercava col suo lavoro di giornalista di Radio Radicale e di militante del Partito Radicale, alla verità sulle circostanze della sua morte. Verità che occorre continuare a cercare sia per la memoria storica del lavoro di Antonio che per la sua.

Spero che a questo primo ricordo di presenza del Partito Radicale alle Nazioni Unite ne possano seguire altri, anche per scongiurare indietreggiamenti, come accadde pochi anni fa quando il Vietnam pretese di nuovo una grave sanzione contro di noi e chi si batteva per i diritti dei popoli indigeni degli Altopiani centrali vietnamiti. Rivolgo quindi un sincero ringraziamento a Marco Perduca per aver raccontato un pezzo di storia che meritava di essere ricordato per l’impatto innovativo che ha avuto su metodi, procedure e prassi a livello internazionale, e che dovrà continuare ad esserlo nella sua presente e futura evoluzione del Partito ma anche delle Nazioni Unite.

Saturday, May 3, 2014

il @radicalparty e la Russia, una storia lunga decenni

[...]
 
Fin dai tempi dell'Urss il Partito radicale aveva stretto rapporti con intellettuali e politici che coraggiosamente e pacificamente avevano manifestato il proprio dissenso al regime sovietico. Molti furono ad esempio i refusnik che riuscimmo a salvare dalle persecuzioni di un sistema che di lì a poco sarebbe scomparso. Alla caduta del Muro di Berlino i radicali furono tra i primi a occuparsi del futuro delle ex-repubbliche sovietiche e, di lì a poco, anche dei loro satelliti, primi fra tutti quelli nei Balcani.



Forte di una straordinaria campagna di iscrizioni che coinvolse oltre quarantamila mila persone e centinaia di parlamentari, all'inizio degli anni Novanta il Partito Radicale riuscì ad aprire uffici in una ventina di paesi dell'Europa dell'est e a raggiungere i propri iscritti e simpatizzanti con una pubblicazione, "Il Partito Nuovo" che veniva stampato in diciotto lingue. La novità di quel soggetto politico transnazionale e trans-partitico risiedeva nel voler coniugare la promozione di specifiche riforme costituzionali di chiaro stampo liberal-democratico a questioni più generali, come la necessità di abolire la pena di morte, per evitare che la giustizia sommaria, sempre in agguato in periodi di transizione, avesse il sopravvento sullo Stato di Diritto. Allo stesso tempo, sempre in quegli anni, si gettavano le basi per la creazione di una giurisdizione ad hoc che assicurasse i responsabili del conflitto jugoslavo a una giustizia che fosse giusta e imparziale. Per il Partito Radicale, il partito dello Stato di Diritto, il rispetto delle regole è sempre stato di fondamentale importanza tanto per gli amici quanto per gli avversari.



Nella primavera del 2000 si stava consumando l'ultimo capitolo di uno dei conflitti più drammatici e tragici – e mistificati - dell'Europa moderna, quello in Cecenia. A poco era valso l'accordo di pace di tre anni prima tra Mosca e Groznyj, dalla fine del 1999 nel Caucaso si sparava senza risparmiare la popolazione civile. Per quanto la Commissione europea, il Consiglio d'Europa e gli Usa fossero stati categorici nel denunciare le violazioni dei diritti umani nella regione, non fu possibile creare le condizioni politiche per la ricerca di una pace negoziata né, purtroppo, per evitare che decine di migliaia di civili, e fra questi moltissime donne e bambini, cadessero vittime della guerra.



Per non lasciare niente di intentato, consci dei rischi che ciò poteva comportare, fu deciso di sostenere l'opera politica di quei pochi ceceni che parevano aver fatto proprio lo slogan radicale "non c'è pace senza giustizia". Il Partito Radicale decise di invitare a Ginevra un parlamentare ceceno - eletto sotto la supervisione dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa nel 1997 - al fine di farlo entrare in contatto con la comunità internazionale e proporre l'avvio di un negoziato di pace da tenersi sotto l'egida di quelle organizzazioni regionali e internazionali che si erano attivate sul conflitto caucasico.

[...]

Friday, April 4, 2014

"Il casus belli" da @operazionidigov come @radicalparty ha sconfitto la Russia di Putin all'ONU

Capitolo 2

Non credo che potrò mai dimenticare la data del 15 maggio 2000. Era un pomeriggio insolitamente caldo, quando qualcuno si affacciò nella saletta del Partito Radicale con in mano un fax per me. Veniva dal Segretariato del Dipartimento degli affari economici e sociali delle Nazioni Unite e informava che la Federazione russa aveva chiesto che il Partito Radicale Transnazionale fosse espulso dall’Onu perché colpevole di aver fatto parlare alla Commissione per i diritti umani di Ginevra un pericoloso terrorista ceceno di nome Akhyad Idigov.

La ‘saletta’ del Partito Radicale è una stanza al terzo piano di via di Torre Argentina 76 a Roma che ha le stesse funzioni della situation room della Casa Bianca. Personaggi, urgenze o disastri sono sicuramente diversi, ma l’intensità delle riunioni, degli scambi di vedute, delle litigate, delle chiacchiere, delle confidenze e delle calendarizzazioni di obiettivi politici locali o globali è sicuramente paragonabile. Nella saletta non si può non fumare.

Si erano da poco tenute le elezioni regionali in Italia per le quali ero volato da Manhattan a Lodi nel tentativo, riuscito, di presentare la Lista Emma Bonino in tutti i collegi della Lombardia. Contro le più rosee previsioni di chi pensava che l’onda lunga delle elezioni europee del 1999 avrebbe tenuto malgrado tutto e tutti anche per delle elezioni locali, la Lista Bonino era passata da 2.631.205 a 565.298 voti. L’atmosfera, tranne che per il solito indomito e instancabile ottimista Marco Pannella, non era delle migliori, e così rimase per le settimane seguenti. Quel fax contribuì ad aumentare la temperatura della saletta.
 

[...]

Wednesday, March 26, 2014

dalla postfazione di "Operazione Idigov, come @radicalparty sconfisse la Russia di Putin all'Onu

A metà maggio del 2013 la missione permanente cinese presso le Nazioni unite di New York aveva fatto sapere alla diplomazia italiana, all'epoca guidata dall'Ambasciatore Cesare Maria Ragaglini, che la Repubblica popolare di Cina aveva l'intenzione di iscrivere nell’agenda dell’Ecosoc la possibilità di imputare - per la terza volta - al Partito Radicale fatti gravi che avrebbero potuto legittimarne la sospensione o l'espulsione dal sistema Onu. Le accuse erano relative alla co-sponsorizzazione di alcune attività organizzate nel marzo di quell'anno a Ginevra con uiguri, a cui avevano partecipato anche tibetani, mongoli, rappresentanti della Manciuria, falungong e a intellettuali critici del regime di Pechino che vivono all'estero. Anche io avevo preso la parola alla cerimonia di apertura.

Non appena ricevuta la notizia Marco Panella e Niccolò Figà-Talamanca son volati a New York alla ricerca di un'interlocuzione con la Cina nel momento in cui era stata comunicata una loro "minaccia" di sanzione. Pechino aveva fatto sapere in via confidenziale all'Ambasciatore Ragaglini e ai suoi collaboratori che i Radicali erano di nuovo entrati nell'occhio del ciclone alle Nazinoi unite e che sarebbe stato chiesto loro l'impegno di non promuovere più alcune delle iniziative che negli anni erano state portate avanti con il Dalai Lama e Rebya Kadeer perché ritenute attività a sostegno di gruppi secessionisti che mettono in dubbio la sovranità territoriale della Repubblica Popolare Cinese.

Niente di più lontano da quanto i due leader delle comunità tibetane e uigure chiedono né, naturalmente, niente di più lontano da quanto un Partito federalista, e federalista europeo, come il Partito Radicale propone da anni per consentire il rispetto dei diritti umani e la promozione dello Stato di Diritto democratico. Nel rispondere alla preoccupazioni cinesi a nome del Partito Radicale, Pannella ha tenuto a specificare e a informare Pechino di quale sia la storica proposta politica dei Radicali: operare con una proposta positiva che non sia l'affermazione di un'indipendenza, o tante piccole indipendenze, ma di una riforma più ampia che promuova i diritti individuali che siano goduti non in virtù dell'esistenza di una sovranità nazionale assoluta ma grazie al rispetto dello Stato di Diritto internazionale. Quello Stato di Diritto internazionale che si articola in decine di trattati che codificano i diritti umani storicamente conquistati con lotte nazionali e transnazionali spesso, per l'appunto, nonviolente.

[...]